laboratori

COSA C'É DI NUOVO

Re-CreAzioni

Prende il via Re-CreAzioni, curato dall'atelierista Renata Marino, un progetto che nasce per condividere con i bambini il valore del saper fare... e ri-fare, attraverso la rivisitazione di oggetti ormai desueti.

I bambini sono al centro di un  percorso di creatività, di scoperta e di gioco alternativi e sostenibili, che traggono linfa ed ispirazione dalla lettura dei titoli più interessanti dedicati all'argomento.

Emozioni… vi conosco!

In un secondo incontro con le famiglie, dopo quello dello scorso aprile, presenteremo nuovi albi illustrati come strumento di alfabetizzazione emozionale, in relazione con i diversi momenti della crescita del bambino.
L’albo illustrato permette al bambino di creare uno spazio-tempo proprio, al di fuori della realtà e da situazioni complesse talvolta difficilmente comprensibili e governabili. Per rendere la lettura un momento significativo e “terapeutico”, condiviso con l’adulto, sono utili alcuni accorgimenti: predisporre un ambiente adeguato lontano da rumori e distrazioni, che inviti  all’ascolto ed al coinvolgimento; creare una consuetudine alla lettura per consentire al bambino una maggiore partecipazione emotiva alle vicende dei personaggi; scegliere le storie in base a quello che si intende comunicare, al messaggio che si vuole far comprendere; i bambini chiedono spesso di rileggere le stesse storie, e questa necessità va assecondata, perché riflette un autentico bisogno di reiterare situazioni, parole, sentimenti utili per riconoscere, affrontare ed elaborare situazioni quotidiane anche complesse. Il risultato è spesso quello di “normalizzare” quello che il bambino avverte intorno e dentro di sé, e di rassicurarlo rispetto al fatto di condividere con altri il proprio vissuto e le difficoltà: non è il solo ad avvertire sentimenti che lo turbano, paura, rabbia, tristezza, ma anche ad altri capita di arrabbiarsi e questo è normale e uguale per tutti…
Già dalla primissima infanzia si possono decodificare in modo chiaro le emozioni, ad esempio attraverso semplici albi che mostrano i volti dei bambini con espressioni diverse, che facilmente rivelano uno stato d’animo, e gratificano il piccolo lettore che le interpreta, vi si identifica ed impara a riconoscerle su di sé e sugli altri.
“Come ti senti?” è una questione che attraverso il gioco e la lettura è utile porre ai bambini, fin dai loro primi anni di vita.
Leggere non è necessariamente la soluzione dei problemi… ma è certamente una finestra sull’avventura della vita, è trovare parole rassicuranti e cullarsi con un adulto coinvolto e partecipe, è, conseguentemente, acquisire maggiore serenità ed autostima.
[Le illustrazioni sono tratte da "Nel bosco", di Anthony Browne e "Virginia Wolf, la bambina con il lupo dentro", di Kyo Maclear e Isabelle Arsenault]
Lascia un commento